10 Settembre 2020

Credito pubblicità: ancora due settimane per prenotare il bonus

Per il primo step la scadenza è il 30 settembre 

Il tax credit per investimenti strumentali è una delle misure più interessanti del periodo, oltre che essere una delle più modificate. 

I vari cambiamenti apportati hanno permesso un ampliamento della platea dei beneficiari e delle voci di spesa ammissibili

Ancora più importante, è stata innalzata l’aliquota del credito e cancellato, per l’esercizio 2020, il requisito incrementale dell’investimento sostenuto. 

Questo significa che per accedere al credito non occorre più aver sostenuto investimenti sulla stessa voce di spesa nell’esercizio precedente. 

Vuoi sapere se puoi fare richiesta? Di seguito analizziamo i punti chiavi della misura. 

Beneficiari 

Possono sottomettere la domanda per il credito i soggetti titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo e gli enti non commerciali. 

Quali spese sono ammissibili 

Sono ammessi gli investimenti in campagne pubblicitarie, sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali e nazionali, analogiche o digitali, non partecipate dallo Stato, anche se il valore degli investimenti pubblicitari non è incrementale rispetto agli analoghi investimenti effettuati nell’anno precedente. 

Quali spese non sono ammissibili 

Non sono ammesse al credito d’imposta le spese sostenute per altre forme di pubblicità (come ad esempio grafica pubblicitaria su cartelloni fisici, volantini cartacei periodici, pubblicità su cartellonistica, pubblicità su vetture o apparecchiature, pubblicità mediante affissioni e display, pubblicità su schermi di sale cinematografiche, pubblicità tramite social o piattaforme online, banner pubblicitari su portali online, ecc…). 

Come e quando posso fare domanda 

La procedura è strutturata in due step

  • 1) La “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta” è presentata nel periodo compreso tra il 1° ed il 30 settembre del 2020, tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate 

Restano comunque valide le comunicazioni telematiche trasmesse nel periodo compreso tra il 1° ed il 31 marzo 2020, termine previsto dalla precedente versione della normativa. Chi avesse già inviato la comunicazione in questo arco temporale può inviare una nuova comunicazione, che sarà sostitutiva della precedente. 

  • 2) La “prenotazione” deve essere confermata con la presentazione di una “dichiarazione sostitutiva” relativa agli investimenti realizzati, da effettuarsi sempre telematicamente, dal 1° al 31 gennaio 2021. 

Come utilizzare il credito 

Il credito di imposta è utilizzabile unicamente in compensazione presentando il modello di pagamento F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (a partire da quinto giorno lavorativo successivo alla pubblicazione dell’elenco dei soggetti ammessi). Il codice tributo per il credito pubblicità è 6900. 

Per usufruire del credito sarà necessario essere in possesso di una certificazione dei costi sostenuti. 

Condividi su:

    Contattaci se l'argomento è di tuo interesse

    Ho preso visione delle informazioni sulla Privacy policy

    Acconsento OPEN S.R.L. in qualità di Titolare, all’invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, newsletter,
    compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale con modalità di contatto automatizzate e tradizionali da parte del Titolare

    Iscriviti alla nostra newsletter

    Resta aggiornato